Crisi Giornale di Sicilia, M5S: “Preoccupazione per situazione della testata e per i lavoratori. Con Recovery Fund sostegno anche agli editori e ai giornalisti”

Palermo, 27 settembre –Abbiamo appreso con rammarico e preoccupazione che l’editore del Giornale di Sicilia ha annunciato nuovi licenziamenti nella redazione di Palermo e riduzione degli stipendi già a partire da novembre. Non possiamo accettare una soluzione del genere che penalizzerebbe la storica testata della nostra regione, da sempre voce credibile dei siciliani e di cui i palermitani si fidano. Non possiamo permettere che questa realtà, patrimonio cittadino, dopo i tagli degli ultimi anni che ha colpito anche i poligrafici venga impoverita ulteriormente. Per questo vogliamo esprimere la nostra vicinanza ai giornalisti della redazione e tenere alta l’attenzione su questa vicenda“. Lo dichiarano in una nota i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Roberta Alaimo, Valentina D’Orso e Adriano Varrica.

“Gli editori del Giornale di Sicilia – aggiungono gli esponenti cinquestelle – dovrebbero sapere che proprio in questi mesi il Governo e la maggioranza parlamentare hanno lavorato e stanno lavorando ad un ambizioso piano di rilancio del settore dell’editoria, che oltre alla crisi già in atto ha dovuto fare i conti con l’emergenza della pandemia. Il Recovery Fund sarà utilizzato anche per sostenere gli editori e tutelare i lavoratori di questo fondamentale comparto, prevedendo ad esempio agevolazioni fiscali e contributive per le aziende che regolarizzino i precari, con un’attenzione particolare ai giovani professionisti e ai giornalisti che hanno perso il lavoro. Si sono già espressi pubblicamente in tal senso il sottosegretario Martella con delega all’editoria e la presidente della commissione cultura alla camera dei deputati Vittoria Casa”.